#IORESTOACASA: provvedimenti e aggiornamenti sull'emergenza Covid-19

Veduta Fucecchio

A seguito dei provvedimenti:

riassumiamo in sintesi le principali misure attualmente in vigore per contrastare il contagio da Covid-19.

Ricordiamo che nel DL #CuraItalia del 17/03/2020 n.18 sono riportate le misure a sostegno di famiglie, lavoratori e imprese.

Si comunica che, dall'11 marzo al 13 aprile compresi, gli orari e i ricevimenti degli uffici comunali subiranno delle variazioni. Alla pagina dedicata tutte le modalità e i contatti.

MOBILITA' (fino al 13 aprile)
Sull'intero territorio nazionale e' vietata ogni forma di assembramento di persone in luoghi pubblici o aperti al pubblico.
Gli spostamenti sono consentiti soltanto se motivati da comprovate esigenze lavorative, situazioni di assoluta urgenza o motivi di salute.
Maggiori informazioni alla pagina dedicata.
E' vietato trasferirsi o spostarsi con mezzi di trasporto pubblici o privati in comune diverso da quello in cui ci si trova, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza o motivi di salute.
E' vietato ogni spostamento verso abitazioni diverse da quella principale, comprese le seconde case utilizzate per vacanza.
Ai soggetti con sintomatologia da infezione respiratoria e febbre (maggiore di 37,5°C) è fortemente raccomandato di rimanere presso il proprio domicilio e limitare al massimo i contatti sociali, contattando il proprio medico curante. Divieto assoluto di mobilità dalla propria abitazione per i soggetti sottoposti a quarantena o risultati positivi al virus.
E' vietato l’accesso del pubblico ai parchi, alle ville, alle aree gioco e ai giardini pubblici.
Non è consentito svolgere attività ludica o ricreativa all’aperto; resta consentito svolgere individualmente attività motoria in prossimità della propria abitazione, purché comunque nel rispetto della distanza di almeno un metro da ogni altra persona.
In tutti i comuni dell’Empolese Valdelsa sospesi i controlli per divieto di sosta durante lo spazzamento strade per consentire agli agenti della polizia municipale di rimanere impegnati a far rispettare le indicazioni del DPCM.

ATTIVITA' COMMERCIALI E RISTORAZIONE (fino al 13 aprile)
Sono sospese le attività di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie). Resta consentita la sola ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico-sanitarie sia per l’attività di confezionamento che di trasporto.
Sono sospesi gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande posti all’interno delle stazioni ferroviarie e lacustri, nonché nelle aree di servizio e rifornimento carburante, con esclusione di quelli situati lungo le autostrade, che possono vendere solo prodotti da asporto da consumarsi al di fuori dei locali; restano aperti quelli siti negli ospedali e negli aeroporti, con obbligo di assicurare in ogni caso il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro.
Sono sospesi i mercati e le attività commerciali al dettaglio, fatta eccezione per le attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità, sia nell’ambito degli esercizi commerciali di vicinato, sia nell’ambito della media e grande distribuzione, anche ricompresi nei centri commerciali, purché sia consentito l’accesso alle sole predette attività.
Sono sospese le attività inerenti i servizi alla persona (fra cui parrucchieri, barbieri, estetisti).
Restano aperte le farmacie, le parafarmacie, le edicole, i tabaccai; deve essere in ogni caso garantita la distanza di sicurezza interpersonale di un metro.
Sono sospese tutte le tipologie di gioco lecito che prevedono vincite in denaro, incluso, ad esempio Gratta e Vinci e 10 e Lotto.

ATTIVITA' PRODUTTIVE E PROFESSIONALI (fino al 13 aprile)
Sono sospese tutte le attività produttive industriali e commerciali, ad eccezione di quelle indicate nell’allegato 1 modificato (possono comunque proseguire se organizzate in modalità a distanza o lavoro agile).
Le attività professionali non sono sospese e restano ferme le previsioni di cui all’articolo 1, punto 7, decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 11 marzo 2020. Per le pubbliche amministrazioni resta fermo quanto previsto dall’articolo 87 del decreto-legge 17 marzo 2020 n.18. Resta fermo, per le attività commerciali, quanto disposto dal decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 11 marzo 2020 e dall’ordinanza del Ministro della Salute del 20 marzo 2020.
Restano sempre consentite le attività che sono funzionali ad assicurare la continuità delle filiere delle attività di cui all’allegato 1 modificato, nonché dei servizi di pubblica utilità e dei servizi essenziali di cui alla lettera, previa comunicazione al Prefetto della provincia ove è ubicata l’attività produttiva.
Sono consentite le attività che erogano servizi di pubblica utilità, nonché servizi essenziali.
Sempre consentita l’attività di produzione, trasporto, commercializzazione e consegna di farmaci, tecnologia sanitaria e dispositivi medico-chirurgici nonché di prodotti agricoli e alimentari; resta altresì consentita ogni attività comunque funzionale a fronteggiare l’emergenza.
Restano garantiti, nel rispetto delle norme igienico-sanitarie, i servizi bancari, finanziari, assicurativi nonché l’attività del settore agricolo, zootecnico di trasformazione agro-alimentare comprese le filiere che ne forniscono beni e servizi.
Sono consentite le attività degli impianti a ciclo produttivo continuo, previa comunicazione al Prefetto della provincia ove è ubicata l’attività produttiva, dalla cui interruzione derivi un grave pregiudizio all'impianto stesso o un pericolo di incidenti.
Sono consentite le attività dell’industria dell’aerospazio e della difesa, nonché le altre attività di rilevanza strategica per l’economia nazionale, previa autorizzazione del Prefetto della provincia ove sono ubicate le attività produttive.

SCUOLA (fino al 18 maggio)
Sono sospesi i servizi educativi dell’infanzia e le attività didattiche nelle scuole di ogni ordine e grado e delle Università, ferma la possibilità di svolgimento di attività formative a distanza. Per tutto l’anno scolastico 2019/2020, restano sospesi i viaggi d'istruzione, le iniziative di scambio o gemellaggio, le visite guidate e le uscite didattiche.
La Direzione Didattica Statale di Fucecchio informa che i ricevimenti sono sospesi: alla pagina dedicata tutti i contatti degli uffici segreteria e dei vari plessi scolastici.

SPORT (fino al 13 aprile)
Sono sospesi tutti gli eventi e le competizioni sportive, nonché le sedute di allenamento, di ogni ordine e disciplina, in luoghi pubblici o privati. Sospese anche le attività di palestre, centri sportivi, piscine, centri benessere, centri termali (fatta eccezione per l’erogazione delle prestazioni rientranti nei livelli essenziali di assistenza) e l'attività sportiva all'aperto, anche singolarmente. 
Chiusa la piscina intercomunale Fucecchio-Santa Croce sull'Arno.

EVENTI (fino al 13 aprile)
Sono sospese tutte manifestazioni, eventi, spettacoli di qualsiasi natura, inclusi quelli svolti nei cinema e nei teatri, sia in luoghi pubblici che privati.
Sono sospese le attività di pub, scuole di ballo, sale giochi, sale scommesse e sale bingo, discoteche e locali assimilati, con sanzione della sospensione dell’attività in caso di violazione. 

LUOGHI DI CULTO E CERIMONIE (fino al 13 aprile)
Sono sospese tutte le cerimonie civili e religiose ivi comprese quelle funebri.
Restano momentaneamente chiusi al pubblico i cimiteri comunali; garantiti i servizi essenziali di sepoltura, tumulazione in loculo e inumazione in terra.

CULTURA (fino al 13 aprile)
Nei musei e luoghi di cultura sono sospese le aperture. Queste le chiusure nel Comune di Fucecchio:

  • Biblioteca comunale "Indro Montanelli"
  • Fondazione Montanelli Bassi
  • Museo Civico e Diocesano
  • Nuovo Cinema Teatro Pacini
  • Centro Giovani Sottosopra (attività online per i ragazzi alla pagina dedicata)

LAVORO
Ai datori di lavoro pubblici e privati si raccomanda:

  • di promuovere modalità di lavoro agile per le attività che possono essere svolte al proprio domicilio o in modalità a distanza;
  • di incentivare, da parte di lavoratori dipendenti, dei periodi di congedo ordinario e ferie nonché degli altri strumenti previsti dalla contrattazione collettiva ;
  • di sospendere le attività dei reparti aziendali non indispensabili alla produzione;
  • di assumere protocolli di sicurezza anti-contagio e, laddove non fosse possibile rispettare la distanza interpersonale di un metro come principale misura di contenimento, con adozione di strumenti di protezione individuale;
  • di incentivare le operazioni di sanificazione dei luoghi di lavoro, anche utilizzando a tal fine forme di ammortizzatori sociali;  
  • per le sole attività produttive si raccomanda che siano limitati al massimo gli spostamenti all’interno dei siti e contingentato l’accesso agli spazi comuni.

Sono sospesi i congedi ordinari del personale sanitario e tecnico.

RSA E STRUTTURE OSPEDALIERE
Limitato l’accesso dei visitatori alle aree di degenza da parte delle direzioni sanitarie ospedaliere e agli ospiti delle residenze sanitarie assistenziali per non autosufficienti.
Sospese le attività semiresidenziali per le persone anziane non autosufficienti e per le persone disabili e delle attività dei centri diurni della salute mentale a gestione diretta su tutto il territorio di pertinenza della Società della Salute Empolese Valdarno Valdelsa.

SOCIETA' DELLA SALUTE EMPOLESE VALDARNO VALDELSA 
Previste delle variazioni ai servizi erogati e all'orario di apertura al pubblico degli uffici. Maggiori informazioni alla pagina dedicata
Prevista inoltra la riorganizzazione del servizio di Segretariato Sociale e Punto Insieme. Maggiori informazioni alla pagina dedicata.
La Società della Salute istituisce un Fondo di mutuo soccorso per le persone maggiormente colpite dalla crisi.

CONSEGNA FARMACI A DOMICILIO
Attivo il servizio di consegna dei medicinali a domicilio agli over 65. Per attivarlo è sufficiente contattare la Farmacia Comunale al numero 0571 261373 e fornire l’indirizzo del proprio domicilio. Il personale incaricato si recherà presso l’abitazione del cliente per ritirare la ricetta medica che verrà portata in farmacia per la validazione e per ritirare il farmaco. Successivamente il farmaco verrà consegnato a domicilio. Maggiori informazioni sul servizio alla pagina dedicata.

SPESA E CONSEGNE A DOMICILIO
Attivo il servizio di spesa a domicilio per le persone impossibilitate a farla in modo autonomo promosso dall'Amministrazione comunale in collaborazione con le associazioni di volontariato. Attivo inoltre un servizio di consegna a domicilio di generi alimentari da parte di alcuni esercizi commerciali che hanno aderito all'iniziativa. Maggiori informazioni sui servizi alla pagina dedicata.

SPORTELLO PSICOLOGICO TELEFONICO
Attivo il servizio di sportello psicologico telefonico gratuito "ChiAMA, ti ascolto!" promosso dal Comune di Fucecchio e rivolto a tutti i cittadini in difficoltà. Il servizio è attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle 11 chiamando il numero 0571 268444. Maggiori informazioni alla pagina dedicata.

BUONI SPESA E SPESA SOLIDALE
E' possibile richiedere i buoni spesa a sostegno delle famiglie in difficoltà economica: informazioni e assistenza al numero 0571 268399, requisiti e modalità di presentazione delle domande alla pagina dedicata.
Il Comune ha inoltre attivato la campagna di spesa solidale #nessunorestisolo per donare generi alimentari e di prima necessità alle persone in difficoltà economica le quali, per richiedere di usufruirne, possono rivolgersi al numero 0571 268206 oppure recarsi presso la sede della Caritas in via Donateschi 33 (lunedì 10-12 e mercoledì 16-18) Maggiori informazioni alla pagina dedicata.
 

Il mancato rispetto delle disposte misure di contenimento è punito con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da 400 a 3.000 euro. Nei casi di mancato rispetto delle misure previste per pubblici esercizi o attività produttive o commerciali, si applica altresì la sanzione amministrativa accessoria della chiusura dell’esercizio o dell’attività da 5 a 30 giorni. In caso di reiterata violazione della medesima disposizione la sanzione amministrativa è raddoppiata e quella accessoria è applicata nella misura massima. La violazione intenzionale del divieto assoluto di allontanarsi dalla propria abitazione o dimora per le persone sottoposte a quarantena perché risultate positive al virus è punita con la pena di cui all'articolo 452, primo comma, n. 2, del codice penale (reclusione da uno a cinque anni).

Si ricorda inoltre di seguire scrupolosamente le seguenti misure igienico-sanitarie:

  • lavarsi spesso le mani. Si raccomanda di mettere a disposizione in tutti i locali pubblici, palestre, supermercati, farmacie e altri luoghi di aggregazione, soluzioni idroalcoliche per il lavaggio delle mani;
  • evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute;
  • evitare abbracci e strette di mano;
  • mantenimento, nei contatti sociali, di una distanza interpersonale di almeno un metro;
  • igiene respiratoria (starnutire e/o tossire in un fazzoletto evitando il contatto delle mani con le secrezioni respiratorie);
  • evitare l’uso promiscuo di bottiglie e bicchieri, in particolare durante l’attività sportiva;
  • non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani;
  • coprirsi bocca e naso se si starnutisce o tossisce;
  • non prendere farmaci antivirali e antibiotici, a meno che siano prescritti dal medico;
  • pulire le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol;
  • usare la mascherina solo se si sospetta di essere malati o se si presta assistenza a persone malate.

L'Azienda Usl Toscana Centro ha potenziato la propria rete informativa per fronteggiare l'emergenza attraverso tre canali:

  • 055 545454 (tasto 1) dedicato ad informazioni di carattere generale relative all’applicazione delle recenti disposizioni normative; il servizio è attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 7.45 alle 18.30, il sabato dalle ore 7.45 alle 12.30
  • 055 5454777 destinato esclusivamente ad informazioni di tipo sanitario per tutti coloro che hanno avuto un contatto stretto con un caso confermato; il servizio è attivo 7 giorni su 7 dalle ore 8 alle 20
  • info.covid@uslcentro.toscana.it indirizzo dedicato a cui il cittadino può scrivere per ricevere informazioni ed agevolare la sua eventuale presa in carico dal sistema sanitario

Per favorire una corretta informazione, inoltre, la Regione Toscana ha messo inoltre a disposizione dei cittadini un numero verde presso il Centro di ascolto regionale che fornisce orientamento e indicazioni su percorsi e iniziative legati al tema del coronavirus: 800 556060 (opzione 1, attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle 15).

LINK UTILI


TUTTE LE NEWS DEL COMUNE DI FUCECCHIO SULL'EMERGENZA COVID-19