La Farmacia Comunale consegna i medicinali a domicilio agli over 65

Logo farmacia

A seguito dei DPCM emessi dal Governo per contenere la diffusione del Coronavirus, la Farmacia Comunale di Fucecchio ha organizzato un servizio di consegna dei farmaci a domicilio rivolto a tutti coloro che hanno compiuto 65 anni.
Si tratta di un impegno che vuol tutelare la popolazione anziana che potrà così evitare spostamenti e contatti ravvicinati con altre persone. Il servizio, senza alcun costo aggiuntivo rispetto al prezzo del farmaco, verrà effettuato a partire da lunedì 9 marzo su tutto il territorio comunale di Fucecchio con mezzi e personale della Fucecchio Servizi Srl, la società che gestisce la Farmacia Comunale.

COME FUNZIONA IL SERVIZIO

Per attivare il servizio di consegna è sufficiente contattare la Farmacia Comunale al numero  0571 261373 e fornire l’indirizzo del proprio domicilio. Il personale incaricato si recherà presso l’abitazione del cliente per ritirare la ricetta medica che verrà portata in farmacia per la validazione e per ritirare il farmaco. Successivamente il farmaco verrà consegnato a domicilio.
E’ opportuno specificare che il servizio prevede due passaggi perché non è possibile effettuare lo scambio tra ricetta e farmaco presso il domicilio del paziente. La ricetta, infatti, deve essere presa in consegna da un medico prima di poter far uscire i medicinali dalla farmacia.
E’ evidente che il servizio viene svolto esclusivamente per i farmaci che vengono venduti dietro presentazione di ricetta medica e non per i cosiddetti prodotti da banco.

“In questi giorni – ribadisce il sindaco Alessio Spinelli - bisogna stare più possibile isolati per evitare la diffusione del contagio e per tutelare la salute di tutte le persone.  Meno ci muoviamo dal proprio domicilio e meglio è. Per questo ritengo che il servizio fornito dalla Farmacia Comunale sia veramente importante e meritorio. E’ un servizio che vuol tutelare la salute pubblica e in particolar modo quella delle persone più anziane che sono anche le più esposte ai rischi di questo virus”.